Pubblicato in: Book Challenge 2020

Il diario segreto di Lucrezia Borgia – BookChallenge 2020

Ogni anno tento di partecipare alle varie Book Challenge, ma non le porto mai a termine. Poi ho trovato quella del gruppo Book Challenge: Il Torneo dei Lettori Professionisti, e me ne sono innamorata.

Per la traccia a cascata: un libro con le mani in copertina ho scelto Il diario di Lucrezia Borgia di Joachim Bouflet, storico e studioso di misticismo e religione.

Nel libro siamo nel 1519, dove Lucrezia Borgia ha 39 anni e si guarda indietro, facendo un bilancio della sua vita. I drammi e le gioie di una giovane donna, cresciuta in seno a una famiglia crudele, vengono affidati alle pagine di un diario. Costretta a tre matrimoni di interesse da suo padre, papa Alessandro VI, nel 1493 si lega a Giovanni sforza, nel 1498 ad Alfonso d’Aragona e nel 1502 ad Alfonso d’Este. Sullo sfondo lo scacchiere politico: l’avvicendarsi dei papi, la guerra contro i francesi di Carlo VIII, l’ascesa al trono di Luigi XII, l’affermazione e la caduta del Valentino. Nelle città e nelle grandi corti rinascimentali, come la Roma dei Borgia e dei Della Rovere, la Firenze dei Medici, la Ferrara estense, la Mantova dei Gonzaga, sfilano le figure mistiche delle “sante vive”, religiose di clausura da sempre molto influenti sulla giovane Lucrezia, e personaggi celebri e prestigiosi come Leonardo, Machiavelli, Savonarola, Pico della Mirandola, Tiziano, Michelangelo, Raffaello…

Lucrezia Borgia è uno di quei personaggi che tra miti e leggende, è passato alla storia. Ne hanno raccontato della sua vita, delle sue prodezze, in molti, e ogni volta con una veste differente. Tutta questa attenzione ne han fatto nascere vuote congetture, maldicenze, conclusioni sceniche, e fantasia.
Dipinta come la Regina dei Veleni, personificazione del Male, licenziosa, impura e assassina, amante incestuosa di suo padre e di suo fratello Cesare. Ma non è nulla di tutto ciò. Tanti sono i libri che hanno cercato di riabilitare la sua figura.

In questo libro possiamo trovare una Lucrezia allettata e sfinita a causa della sua ultima gravidanza, ormai conscia del fatto che non sopravvivrà al parto. Per questo decide di scrivere un diario negli ultimi giorni che le rimangono, destinato ai propri bambini, per far conoscere loro il suo vero passato, senza tentare di nobilitarlo o giustificarlo.
Diventata molto presto, a soli 13 anni, la pedina più importante della sua famiglia, Lucrezia viene data in moglie a Giovanni Sforza, matrimonio che verrà quasi subito annullato per non consumazione, macchiando irrimediabilmente la reputazione della ragazza, sulla quale iniziano a circolare le voci più infamanti, rendendo Lucrezia la donna più temuta e allo stesso tempo più ambita. Ad alimentare la leggenda nera dei Borgia contribuiscono anche le imprese del fratello, l’ambizioso Cesare, sospettato dell’assassinio del fratello Giovanni, un delitto rimasto per sempre irrisolto. Anche Cesare Borgia è un personaggio estremamente affascinante e meriterebbe un capitolo a parte.In questo diario Lucrezia descrive anche i suoi prossimi matrimoni, il secondo con Alfonso d’Aragona, figlio del sovrano di Napoli, e il terzo con Alfonso D’Este duca di Ferrara. L’unione con Alfonso d’Aragona segna l’inizio di una grande storia di vero amore, dal quale nasce un figlio: Rodrigo. Lucrezia conserva dei ricordi molto belli e speciali di questo periodo, narra di un amore passionale, vero e devoto. Però, purtroppo, anche questo secondo matrimonio si conclude nella tragedia, con l’assassinio del marito nel proprio letto. Lucrezia, straziata dal dolore, teme che il mandante dell’omicidio sia Cesare, ma anche in questo caso non ci sono prove certe. Per lei Alfonso rappresenterà per sempre il suo unico e vero amore, tanto da provare conforto nei suoi ultimi giorni di vita grazie alla speranza di riunirsi a lui. Il suo dolce ricordo non l’abbandonerà mai, fino alla fine. Ma il Papa non tarda a trovare per la figlia un nuovo sposo, arriva quindi il turno di Alfonso D’Este: il futuro suocero di Lucrezia non si dimostra bendisposto a questa unione, ma il Papa, grazie ad un’ingente dote e quasi ricattando la famiglia D’Este, incassa un’altra vittoria; abituato a trionfare con ogni mezzo e a qualunque prezzo. Per Lucrezia è il momento di iniziare una nuova vita a Ferrara, la corte più sfarzosa dell’epoca, ma inizialmente non sarà facile per lei, dovendosi scontrare con l’antipatia da parte del suocero e con la sua scandalosa reputazione. Ma ancora una volta questa dama si dimostra all’altezza della situazione; la corte degli Estensi è ben nota per il mecenatismo in campo artistico e Lucrezia si lascia attirare da questo fervore artistico e intellettuale, guadagnandosi l’amicizia di grandi nomi della storia dell’arte, come Leonardo, Michelangelo e soprattutto dell’umanista e poeta Pietro Bembo, con il quale stringe un forte rapporto platonico. Nel suo diario Lucrezia riporta tutte queste esperienze e descrive il suo matrimonio con il duca di Ferrara come una relazione basata non sull’amore, ma sulla stima e sul reciproco rispetto. Grazie a questa serenità riesce a vivere in modo più felice diciassette anni di matrimonio, donando ben sei figli al suo sposo. Lucrezia si dimostra molto brava a guadagnarsi l’ammirazione da parte della sua corte e della sua nuova famiglia, grazie ad una condotta irreprensibile e alle sue abilità nel risolvere alcune dispute politiche. La sua reputazione trae grande beneficio da questo suo spirito giusto, pio e benevolo. Essendo un’ottima diplomatica, Alfonso decide perfino di affidare a lei la conduzione politica e amministrativa del ducato in sua vece, quando necessario.

In questi anni di pace viene raggiunta dalla notizia della morte del padre e del fratello Cesare: una svolta nella sua vita. Lucrezia prova una grande tristezza, ma anche sollievo, perché finalmente è libera dalla morsa paterna e dalle ambizioni politiche di suo fratello. Non cova più avversione e riserva loro il suo completo perdono. Nonostante questo felice periodo l’abbia aiutata a redimersi, le dicerie (storicamente infondate) che l’accusano di incesto e omicidi continuano a circolare, arrivando fino ai giorni nostri. Per tradizione fu la donna più dissoluta del Rinascimento e una malvagia avvelenatrice, la femme fatale per eccellenza: in realtà era bella e intelligente, una perfetta castellana e la sua grazia fu lodata da molti narratori dell’epoca, come il Gianandrea Boccaccio (ambasciatore a Ferrara). Grazie ad una spietata storiografia, il personaggio di Lucrezia Borgia ha assunto diverse sfumature nel corso dei secoli, in verità fu una vittima, una delle donne più sfortunate della sua epoca. Tutte queste nuove sfaccettature della sua onesta figura vengono alla luce nel diario, grazie al quale Bouflet riesce a riscattare l’onore di questo grande personaggio, senza diminuirne il fascino storico. Dando alla luce una bambina, Lucrezia Borgia lascia questo mondo nel 1519, morendo di parto a soli trentanove anni. L’epilogo è riservato al duca Alfonso D’Este, il quale pare sinceramente e profondamente addolorato dalla morte della sua sposa, molto amata anche dai suoi figli e da tutti i cittadini di Ferrara.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...